TAILOR MADE TOUR OPERATOR & D.M.C.
Perù Responsabile - Home
Memorizza dati
E-mail:
Chiudi
  • ARTE E ARTIGIANATO
    Un patrimonio da custodire...
    ...esistono villaggi remoti, comunità lontane dedite in maniera appassionata alla realizzazione di alcuni fra i più importanti prodotti artigianali del Perù, e che conservano in questo campo le conoscenze ancestrali che rappresentano un valore da salvaguardare...noi, cercheremo questi patrimoni insieme a voi!
  • CITTA'
    Da Nord a Sud
    Sono molti i gioielli di architettura che si lasciano scoprire dai viaggiatori in ogni città Peruviana. Tesori archeologici, incaici o pre-incaici, spagnoli o postcolonali saranno il palcoscenico del vostro viaggio
  • I CAMELIDI
    Lamas, Alpaca, Vigogne...
    ...sono i Camelidi Sudamericani, tutti presenti in Perù e che, insieme al più raro Guanaco, accompagnano i viaggiatori popolando quotidianamente tutti gli impareggiabili scenari che compongono questo mosaico meraviglioso che ha il nome di PERU!
  • MERCATI
    Artigianato e non solo!
    ...a Chinchero, a Pisac, Iquitos o a Tumbes, in Perù c'è sempre sul vostro cammino uno dei variegati e profumati mercati che sono oramai il simbolo della tradizione multicolore della popolazione Andina e della Selva del Perù!
  • GASTRONOMIA
    La patata
  • CULTURE PREINCA
    Nazca: le linee nel deserto
    Affascinanti solchi nella sabbia che dopo aver servito antiche popolazioni per scopi ancora misteriosi, da decenni vengono studiati, osservati ed esplorati nella speranza di scoprire uno dei tanti misteri delle culture preincaiche.
  • CULTURE PREINCA
    Sican: le signorie del Nord
    Al Nord del Perù si trovano alcune delle vestigia delle più audaci e interessanti culture preincaiche: navigatori, guerrieri e artigiani impareggiabili hanno preparato la strada ai più famosi Incas, che molto devono a queste popolazioni meno conosciute...
  • CULTURE PREINCA
    Nazca: le linee nel deserto
    I geoglifi del deserto di Nazca coprono una superficie vastissima; rappresentano gli animali che popolavano la sierra e la selva del Perù, sono frutto di una tecnica ancora sconosciuta e si possono osservare compiutamente soltanto dal cielo...
  • CULTURE PREINCA
    Nazca: i fili nel deserto
    Oltre ai misteriosi "geoglifici" o "Linee", la Cultura Nazca ha lasciato alcuni fra i più raffinati manufatti e opere d'arte nel settore della tessitura e delle ceramiche...e il deserto ci restituisce ancora i tesori della Cultura Nazca
  • CULTURE PREINCA
    Moche: gli orafi guerrieri
  • GASTRONOMIA
  • GASTRONOMIA
  • CULTURA INCA
    I dominatori
    Sono indubitabilmente la civiltà che più ha segnato la storia del Perù. un dominio intenso ma brillante, per ingegno e capacità politica ed amministrativa...ma la storia del Perù non è solo frutto delle gesta degli Incas...
  • NATURA
    Colca Canyon
    Il Canyon più profondo al mondo e, insieme al Cotahuasi, il più affascinante e ricco di biodiversità. Nella provincia di Calloma, nel dipartimento di Arequipa, nelle sue gole vivono e rigano il cielo i maestosi condores ...i signori del cielo Andino.
  • STORIA
    Santuario di Machu Picchu
    E' una delle sette meraviglie del mondo antico, ed è il frutto di un lavoro di ingegneria e passione, di pazienza e perfezione....quella che gli Incas dovettero usare per costruire questo gioiello incastonato nella cordigliera delle Ande...
  • NATURA
    Birdwatching
    Il Perù è il paese più biodiverso d'America e uno dei più biodiversi al Mondo. Un'altissima percentuale delle specie di uccelli che vivono sulla terra si trovano infatti nella sierra e nella selva peruviane!
  • NATURA
    Parque Nacional Huascaran
    La più imponente conrdigliera del Sud America si trova in perù_ è la "Cordigliera Blanca", il luogo dove il ghiaccio si fonde con le nuvole per creare gli altissimi APU, gli dei-montagna venerati dalle popolazioni delle Ande
''Viaggiare non significa solamente uscire dai propri confini, ma entrare con rispetto in quelli altrui''
 
Unesco Il PARCO NAZIONALE DEL RIO ABISEO
 

 

Situato nella catena montuosa delle Ande (in particolar modo nella Cordillera Oriental de los Andes), ad est di Huicungo sul versante Amazzonico delle Ande Peruviane, il Parco Nazionale del Rio Abiseo si trova ad un bivio tra i fiumi Marañon e Huallaga e costituisce un eccezionale esempio di significativi processi geologici in corso, di un lento progresso dell’evoluzione biologica della zona e di grande interazione dell'uomo con l'ambiente naturale.

Esso contiene combinazioni eccezionali di natura e cultura ed è il luogo dove significativi esemplari di specie minacciate ed in via di estinzione possono ancora sopravvivere.

Nel territorio del parco, nella zona di valle Montecristo, si rinvengono testimonianze di cultura ed insediamenti pre-ispanici che rappresentano un eccezionale esempio di come già fin dal 4 ° secolo aC. nella regione andina, in alta quota, era presente una occupazione umana.

 

Ulteriori prove di insediamenti umani si rinvengono anche nella Grotta Manachaqui, sito che suggerisce come il Parco Naturale Rio Abiseo fu abitato dall’uomo in un periodo ancora più remoto, forse già nel 6000 aC.

 

Fondato nel 1983, il Parco del Rio Abiseo abbraccia l'intera topografia del fiume Abiseo e si estende con terreni aspri e pendenze spesso superiori al 50%. Quasi tutti i terreni di Rio Abiseo sono caratterizzati dal non essere mai stati disturbato da agricoltura o estrazione di legname.

Proprio per questo il Parco è rinomato per la sua incontaminata foresta primaria e per le altrettanto incontaminate praterie dell'altopiano (paramo) entrambe caratterizzate daun alto grado di endemismo, basti pensare che I più recenti inventari delle praterie di alta quota hanno condotto all'individuazione di oltre 1.000 specie di piante diverse.

La foresta pluviale supporta una grande varietà di fauna, in particolare di uccelli, tra cui “meraviglioso spatuletai”, il Moriglione ed il Conure d'oro piumato.

Le specie più minacciate sono nove e cinque quelle endemiche, di distribuzione limitata, com il Tucanetto dai sopraccigli gialli.

L’altitudine ha fortemente influenzato l'avifauna: per questo nel parco ci sono oltre 132 specie di uccelli tra i 3.000 e 4.100 metri sul livello del mare.

Ci sono diverse specie di mammiferi di rilievo, come l'endemica scimmia lanosa dalla coda gialla, una specie addirittura in precedenza ritenuto estinta nel 1926. o la scimmia ragno dal pelo lungo.

Altri mammiferi più grandi notevoli sono l’Huemul Nord andino, l’Orso dagli occhiali, il Giaguaro Jaguarundi, l’Armadillo gigante ed il tapiro.

Gli studi degli invertebrati hanno dimostrato un elevato livello di endemismi, un esempio chiave è la specie di farfalla Ithomiidae, di cui il parco è un centro di evoluzione e rifugio. 

Tra le più importanti rovine precolombiane presenti nel parco sono: 
La Playa, sito costituito da circa 25 strutture e cerchi di pietra rinvenuti in uno ampio spazio ricavato su un terrazzo sopraelevato rispetto al corso fluviale del rio Abiseo. Alcuni fra questi edifici erano decorati da pitture, e probabilmente venivano usati per scopi cerimoniali. 
Las Papayas: costituito da almeno 100 le strutture costruite su 16 terrazze artificiali nella Valle di Montecristo. La maggior parte di questi edifici sono ben costruiti con pietra ben lavorata.

Los Pinchudos è invece un complesso di sepoltura costituito da un recinto funerario abbarbicato su un’altissima parete rocciosa che fronteggia il massiccio delle Ande Centrali a sua volta contenente piccoli tumuli o nicchie: su questa “cinta funeraria” si trovano quattro tombe sono decorate con una greca e un ornamento a zig-zag, sulle quali gran parte della vernice originale sopravvive. La trave del tetto di un altro edificio di questo complesso è sormontata da cinquefigure in legno di tipo Chimu.

Gran Pajatén è una struttura circolare con all'esterno una interessante decorazione su due livelli con, al piano inferiore, dieci figure antropomorfe di disegno caratteristico. 
IL Cerro centrale dispone di 200 edifici ornati da figure umane e uccelli stilizzati ottenuti da lastre sottili di pietra lavorate a secco ed inseriti in un modello molto irregolare. 
La grotta Manachaqui, che si trova sul confine occidentale del Parco Nazionale, lontano dal gruppo di Montecristo, è la culla della prova di una lunga sequenza di occupazioni  umane della zona risalenti all’epoca paleo-indiana e pre-ceramica e durata fino al secolo dC metà del 16 °. 

Conosci il Perù - Unesco - Il PARCO NAZIONALE DEL RIO ABISEO - Foto 1