TAILOR MADE TOUR OPERATOR & D.M.C.
Perù Responsabile - Home
Memorizza dati
E-mail:
Chiudi
  • COSA FACCIAMO?
    Eco Turismo...
    La più importante fra le varie forme di turismo responsabile. La nostra organizzazione, ogni anno, aumenta la quota di impegno per abbinare i propri programmi di viaggio alle migliori esperienze di conservazione ambientale attive nel Paese. Il 2011 sarà anche l'anno della nuova linea di viaggi "PERU A IMPATTO 0"
  • COSA FACCIAMO?
    Turismo Culturale
    Ci impegnamo a rispettare una regola semplice, ferrea ed efficace: un viaggio che aspiri ad essere di "conscenza" di "approfondimento" e "scoperta" deve sempre ricercare forme di "valorizzazione" della cultura locale e rigettare quelle attività che invece mirano ad una "strumentalizzazione" di questa....
  • COSA FACCIAMO?
    Turismo Rurale
    Avvicinare le culture, confrontarne le abitudini e valorizzarne le differenze: questi sono gli obbiettivi di una buona forma di turismo rurale. Peruresponsabile.it vi conduce attraverso alcune esperienze di "convivenza reale" con comunità native...per avere una nuova visione della natura e del mondo...
  • COSA FACCIAMO?
    Piccole opere civili...
    Sosteniamo le Comunità che collaborano con noi attraverso piccole opere Civili che aspirano a realizzare concretamente dei miglioramenti delle condizioni di vita dei nostri ospiti. Acqua, salute, cultura, trasporti, ospitalità, formazione...sono questi alcuni dei temi su cui siamo impegnati...
  • COSA FACCIAMO?
    Turismo autogestito...
    Non ha importanza se non desiderate un viaggio organizzato da noi...l'importante è che lo affrontiate come lo organizzeremmo per voi!!!...avvicinandovi con rispetto alla cultura peruviana, alla sua gente ed alle sue meraviglie...impegnatevi con noi su questo, e noi vi aiuteremo a viaggiare anche da soli!
  • COSA FACCIAMO?
    Percorsi di formazione...
    Insieme alle comunità nostre collaboratrici avviamo periodicamente percorsi di apprendimento sulle tecniche basilari dell'accoglienza e dell'ospitlaità turistica...per costruire insieme a loro un futuro fatto di capacità e di autonomia nel campo del turismo responsabile...
  • COSA FACCIAMO?
    Integrazione delle economie
    Sosteniamo attraverso il turismo le microeconomie dei villaggi e delle comunità collaboratrici... ma facendo sempre attenzione a che le conoscenze ancestrali e le arti tradizionali nel campo dell'agricoltura, della pesca, dell'artigianato, non vengano abbandonate, anzi...vengano valorizzate.
  • DOVE ANDIAMO?
    Comunità di Wayllano Suyo
    Un gioiello incastonato sulle Ande: il lago Titicaca! E' qui che vive da centinaia di anni una cultura antica e affascinante, che ha fatto del rispetto reciproco, della grazia e della gentilezza verso il prossimo la sua caratteristica principale...loro saranno i nostri ospiti, noi diventeremo i loro amici!
  • DOVE ANDIAMO?
    Comunità di Raqchi
    Una comunità di eccellenti artigiani della ceramica, al lato di uno dei più importanti templi Inca di tutto il Tahuantinsuyo: Wiracocha vigila sulle arti della comunità di Raqchi...e i nostri amici comuneros ci aspettano per mostrarci i loro segreti e le loro strabilianti capacità!
  • DOVE ANDIAMO?
    Consorzio "Rumbo al Dorado"
    Forse sono gli ultimi guardiani di un parimonio che è di tutti noi. Gli uomini del consorzio "Rumbo al Dorado" nella riserva amazzonica di Pacaya Samiria, nella regione di Loreto, custodiscono ogni giorno una natura infinita e verde, ultima ricchezza del nostro mondo. I nostri viaggi vi portano a scoprire la loro missione!
  • DOVE ANDIAMO?
    Comunità di Calapuja
    Impegno, passione e cooperazione in uno degli altipiani più duri del Sud del Perù. Peruresponsabile.it collabora attivamente da anni con una meravigliosa esperienza di lotta quotidiana per il miglioramento della comunità di Calapuja, nel coridoio Puno-Cusco.
''Viaggiare non significa solamente uscire dai propri confini, ma entrare con rispetto in quelli altrui''
 
Turismo RESPONSABILE
 
  TURISMO RESPONSABILE
DICHIARAZIONE DI MANILA
DICHIARAZIONE DI MANILA

World Tourism Organization

DICHIARAZIONE  DI MANILA

Sull’impatto sociale del turismo, 1997

Noi, rappresentanti di governi e gruppi privati di 77 Paesi e Territori, riuniti nel Meeting Mondiale   sull’ Impatto Sociale del Turismo, sotto gli auspici della World Tourism Organization (WTO) e del Governo della Repubblica delle Filippine,

Avendo discusso l’impatto sociale del turismo e considerati i modi per incrementarne gli aspetti positivi e minimizzarne gli effetti negativi,

Credendo fermamente che il turismo continuerà a produrre benefici sociali ed economici per Comunità e Paesi e che non può essere considerato il solo responsabile di problemi sociali ad esso attribuiti o ad esso associati,

Essendo determinati ad eliminare abusi sociali o sfruttamento da esso derivanti o associati con esso, o causati da attività  da esso derivate,

QUI CI IMPEGNAMO A:

1)     Appoggiare una maggiore partecipazione delle comunità  a  pianificazione, sviluppo, monitoraggio  delle politiche e valutazioni del turismo; con programmi e progetti in sintonia con  gli obiettivi   e le priorità nazionali; e perciò creare nelle comunità  una campagna di presa di coscienza per informare la gente dei benefici che possono derivare dallo sviluppo turistico.

2)     Migliorare il livello di vita attraverso il turismo, fornendo opportunità sociali ed economiche per una più vasta partecipazione e, dove possibile e opportuno,  allargare le attività turistiche  alle aree esterne, per incrementare l’economia rurale;

3)     Assicurarsi che i piani di sviluppo turistico rispettino la legalità, l’eredità e l’integrità  delle destinazioni turistiche in tutto il mondo e rispettino le norme culturali, particolarmente tra le comunità indigene e, a questo scopo, controllare la crescita del settore turistico, laddove potrebbe mettere a  rischio le popolazioni locali o i valori sociali.

4)     Incoraggiare e cooperare  con le attività commerciali coinvolte con il turismo, allo scopo di creare una giusta immagine e sviluppare gli opportuni strumenti di mercato per i luoghi di destinazione turistica e creare servizi di informazioni e comunicazioni per sensibilizzare i visitatori sulla cultura e i comportamenti  delle popolazioni ospitanti.

5)     Riconoscere il ruolo del turismo nello sviluppo delle risorse umane e stabilire programmi a lungo termine, che permettano  alle forze di lavoro locali occupazioni in campo turistico e provvedere con appropriate misure e opportunità  a maggiori possibilità lavorative per donne e giovani.

6)     Allargare e rinforzare i sistemi di coordinazione e monitoraggio, attraverso contatti e lavori comuni tra i governi, settori privati, e parti interessate, con una attenzione particolare agli aspetti positivi e  all’eliminazione degli impatti negativi  che il turismo potrebbe causare.

7)     Maggiori attenzioni locali e aiuti internazionali per prevenire abusi e sfruttamenti, relazionati con il turismo, su donne, bambini, e altri categorie di persone a rischio.

8)     Incoraggiare i governi a promulgare e rinforzare i regimi legali,  così da evitare indesiderate conseguenze sociali  del turismo, attraverso, tra l’altro, accordi che privino i criminali di luoghi dove mettersi al sicuro.

9)     Tenere in conto l’importanza del turismo nel contesto dell’ Agenda 21,  dove il turismo è una importante fonte di sviluppo, ma, come in altri settori, usa risorse e genera  sprechi e, nel processo crea non solo   vantaggi e svantaggi  sociali e culturali, ma anche  ambientali,   i  cui  effetti sulla biodiversità e sui fragili ecosistemi , come le scogliere coralline, i siti archeologici, le montagne, le  aree costiere,  le terre umide, necessitano un impegno particolare, perché tutto il mondo possa continuare ad  ammirarli e, ancora più importante, perchè si osservino  le regole dell’ecoturismo.

10)   Lavorare per la compilazione e una eventuale adozione di un Codice Globale Etico per il Turismo. 

Approvato in Manila, Filippine il 22 Maggio 1997

 

Per qualsiasi domanda legata alla nostra attività nel campo del Turismo Responsabile in Italia ed in Perù, APRI LA TUA DISCUSSIONE O LASCIA IL TUO MESSAGGIO SUL NOSTRO FORUM

SCARICA DOCUMENTI:

Scarica allegato - DICHIARAZIONE DI MANILA





DICHIARAZIONE  DI MANILA  - Foto 1