TAILOR MADE TOUR OPERATOR & D.M.C.
Perù Responsabile - Home
Memorizza dati
E-mail:
Chiudi
  • BRASILE
    ...e rio de Janeiro
    Il nuovo gigante d'America, e del Mondo. Un paese ricco di natura, tradizioni, folklore e passione. Il nostro turismo responsabile ne esplora risorse, curiosità e contraddizioni...
  • ECUADOR
    ...e Galapagos
    Un paese diviso in tre piccoli, meravigliosi mondi, estremamente vicini: La selva, la Costa e la Sierra...sono divisi solo da poche centinaia di chilometri, e da una biodiversità incredibile e rigogliosa...
  • CUBA
    ...e la sua Rivoluzione
    Una speranza del passato, una speranza per il futuro. Una perla sofferente che non ha trovato pace e serenità, un popolo capace di ridere e danzare anche di fronte ad un presente difficile...
  • CUBA
    ...e Santiago
    ...una passeggiata fra la storia ed i ritmi dell'Isola più effervescente d'America e dei Caraibi..circondata da quasi 4200, isole e isolette dette cayos...e da un mare verde che ha tenuto lontano il mondo per troppo tempo...
  • BOLIVIA
    ...e Uyuni
    ...La Bolivia è un paese estremamente povero...ed estremamente ricco....un insieme di contrasti naturali, culturali, politici ed economici. Le risorse del paese potrebbero dare ricchezza non solo ai suoi abitanti, ma a tuta la regione Andina...ma...
  • ARGENTINA
    ...e la Patagonia
    E' la casa della natura e di migliaia di specie animali, di uccelli, di balene...E' una delle mete mondiali situate alla fine della strada maestra che conduce alla comprensione dell'importanza della natura...
  • ARGENTINA
    ...e Buenos Aires
    E' il paese del Tango e della Natura, del ghiaccio e dell'amazzonia Racchiude in se l'estrema generosità della natura verso gli uomini!, e l'estrema lotta di questi verso la propria storia...
  • CILE
    E l'Isola di Pasqua
    Un luogo affascinante e misterioso, culla di leggende e storie che si perdono nei secoli e che alimentano miti e leggende....Rapa Nui, la grande isola di roccia, una fra le più isolate al mondo...
  • CILE
    ...ed Atacama
    Una lunga striscia di terra corre accanto l'Oceano Pacifico e si estende per circa 4.200 km con una larghezza media di circa 200 km, all'interno della quale trovano posto le Ande, la Patagonia ed i suoi ghiacci perenni...
''Viaggiare non significa solamente uscire dai propri confini, ma entrare con rispetto in quelli altrui''
 
Itinerario DA PUNO AL SALAR DE UYUNI & LAGUNE
 
Programma di viaggio
DA PUNO AL SALAR DE UYUNI & LAGUNE
tutto l'anno
6 gg
PREZZI PER QUESTO VIAGGIO
VOLO: non incluso
 
QUOTA PROGETTO (non inclusa)
€ 40 per realizzare una rete di microbiblioteche rurali
BENEFICIO SOCIALE (incluso)
 
 

 

ITINERARIO

1° giorno – Puno – Tiahuanaco - La Paz

PUNO – TIAHUANACO - LA PAZ

Dopo colazione, partenza da Puno in direzione Desaguadero con mezzo privato. Attraverseremo i paesini di Chucuito, Platería, Acora, Ilave, Juli, Pomata e Zepita, costeggiando il Lago Titicaca che ci delizierà con i suoi paesaggi. Arriveremo alla frontiera con la Bolivia dove espleteremo le pratiche doganali e migratorie. Dopo le formalità ci dirigeremo al Centro Arqueológico di Tiahuanaco, testimonianza di una delle culture più antiche dell'America del Sud e contestualmente la più longeva, con quasi 3.000 anni di vita, che sorse proprio nei dintorni del lago Titikaka, sull'altipiano andino. Visiteremo l'interessante Museo del sito ed apprezzeremo la bellezza di alcune sculture, templi e resti litici: il Monolite Bennett, la porta del Sole, Kantatallita, Kalasasaya, il  Monolite Fraile, il tempietto seminterrato ecc. Entrata e guida non incluse. La guida per la visita al Museo la potrete contrattare al momento. Dopo la visita partiremo per La Paz, dove giungeremo in un paio d'ore. Sistemazione in hotel. Notte con colazione.

2° giorno – La Paz

LA PAZ– PULLMAN PER UYUNI

Visita libera della città. Pranzo e cena liberi. In serata partenza in pullman di linea (servizio Semi Cama o Cama, in base a disponibilità al momento – 10 ore di viaggio). Notte in pullman.

E’ stata scelta l’opzione in pullman di linea perché è quella che, attualmente offre maggiori garanzie di arrivo in orario a Uyuni.

Stiamo valutando la possibilità di prevedere il volo La Paz-Uyuni, che peró attualmente non garantisce la sufficiente puntualità e regolarità.

L’eventuale volo La Paz-Uyuni, comporta un supplemento di 140 Euro.

3° giorno – La Paz - Uyuni – Lagune

UYUNI – LAGUNE – HUAYLLAJARA (CIRCA 250 KM)

Arrivo ad Uyuni (3.676 mslm) in mattinata ed espleteremo le operazioni e briefing preliminari, prima di dar inizio al nostro viaggio in una delle zone paesaggistiche e geologicamente interessanti più famose d’America. Durante il cammino odierno e dei giorni successivi, godremo della vista di sterminate pampe arbustive, deserti, vulcani, placide ed indifferenti vigogne al pascolo. Pronti, VIA! Alle porte di Uyuni visiteremo brevemente un cimitero di locomotrici, che iniziò a popolarsi verso la metà del ‘900. Continueremo verso sud, attraversando paeselli (San Cristobal, Culpina, Villa Alota), una volta definiti “autentici” e che ora, a causa o grazie alla presenza di progetti minerari, hanno perso in rusticità e genuinità e guadagnato in modernità.  Se le condizioni meteo lo permetteranno, faremo un pic nic nei pressi di capricciose conformazioni rocciose disseminate nella Valle de las Rocas. Giungeremo alle prime di una lunga serie di lagune-saline altoandine: le lagune Khara, Capina (massima altezza del giorno, 4.600 mlsm) ed infine la famosa laguna  Colorada (4.298 mslm) dominata dal Volcán Pabellón. E’ così definita per il colore arancione intenso generato da sedimenti minerali (composti del boro) e dai pigmenti di alcuni tipi d’alga, di cui sono ricche le acque. La superficie della laguna Colorada è abbellita ed impreziosita dalla presenza di tre specie di fenicotteri: l’andino, il cileno e quello di James. Ci troviamo all’interno della Riserva Nazionale “Fauna Andina Eduardo Avaroa”. Ci alloggeremo e ceneremo presso un hospedaje basico, a pochi chilometri dalla laguna Colorada, nell’insediamento di Huayllajara (3.789 mslm).

4° giorno –Campo geotermico – Puerto Chuvica

HUAYLLAJARA – CAMPO GEOTERMICO – SILOLI – LAGUNE - PUERTO CHUVICA (CIRCA 300 KM)

Ci sveglieremo all’alba, o anche prima, e non faremo colazione. Il motivo di siffatto trattamento è di quelli validi: ci dirigeremo ad osservare emissioni solforose o fumarole del campo geotermico del Sol de Mañana, alla rispettabile altezza di 4.900 mslm. Che ci si trovi in una zona vulcanica…molto vulcanica, si sa, ma la prova inconfondibile è data dalle emissioni di vapore e dai fanghi ribollenti ed appiccicaticci, rosacei, giallognoli e puzzolenti. Proseguiremo verso il mini-Salar di Chalviri, che a prima vista sembrerebbe una laguna…ma non lo è (così come le fumarole di poco fa non sono geyser)! Qui, finalmente, faremo colazione e, se qualcuno ne ha voglia, può immergere le membra in una pozza “termale”, sulla sponda del Chalviri, la cui temperatura è di una trentina di gradi centigradi. Avanti ancora,  verso uno dei deserti più spettacolari di tutto il nostro viaggio: Pampajara, famoso per le rocce, che sembrano esservi state lanciate nel corso di una partita a dadi tra titani (rocce di Dalí). Fino alla laguna Verde ed al Volcan Licancabur (5.400 mt.) non arriveremo. Primo, perché la laguna ha cambiato colore per motivi che non sappiamo, ma che sembrano legati a questioni chimico-climatiche (ora è color marroncino, tutt’altro che invitante) e, secondo, perché ci attende il B-Side della laguna Colorada, ovvero il lato più spettacolare della laguna più spettacolare.  Quindi faremo dietro-front e dopo l’ennesima deviazione nel mezzo del nulla apparente, ci concederemo un pici nic (sempre se il clima lo consentirà) osservando fenicotteri, oche andine ed altri uccelli residenti nella laguna.  A metà pomeriggio completeremo il doppiaggio della laguna ed inizieremo la risalita verso nord. Attraverseremo il deserto Siloli, rendendoci ancora una volta conto di quanto sia bella la semplicità del deserto, i suoi colori ed il senso di libertà che infonde. Un albero di pietra (ma sembrerebbe più un fungo, sempre uscito da un racconto di titani) non potrà non incuriosirci né non ispirare la più ovvia delle foto da viaggio di parrocchia. Nuovamente a bordo per l’ultimo lungo strappo verso il Salar. La catena montuosa che ci accompagna sulla nostra sinistra (ovest), rappresenta il confine naturale con il Cile. Per non rendere il trasferimento troppo monotono, la natura ha messo sul nostro cammino alcune lagune dai nomi pittoreschi: Ramadita, Honda, Chiarkota, Hedionda (ovvero, Puzzolente), Cañapa nonché qualche vulcano dormiente come l’Ollague (5.870 mt).  Arriveremo al Salar di Chiguana, attraversato dalla ferrovia resa famosa da Butch Cassidy e Sundance Kid, ammazzati (anche se le cronache parlano di auto-eliminazione) pure loro, da soldati boliviani, un po’ di chilometri più a est, nel paesino di San Vicente. Non attenderemo il passaggio del treno, che oggigiorno parte solo un paio di volte alla settimana:  continueremo in parallelo per poi perderli di vista dopo pochi chilometri. Nel tardo pomeriggio arriveremo a Puerto Chuvica, dove  ci installeremo in un alloggio rurale sul bordo del salar. Cena, notte con colazione.

5° giorno – Puerto Chuvica – Salar de Uyuni

SALAR DE UYUNI – PULLMAN PER LA PAZ

Faremo una levataccia per godere dell’alba che, tanto per cambiare, vale davvero il sacrificio fatto. Giocheremo come dei bambini, con le lunghe ombre create dal sole appena sorto. Ci spingeremo fino all’isoletta Incahuasi, coperta di cactus detti columnares, che dicono crescere 1 cm all’anno, dove faremo colazione. Con la pancia piena inizieremo a ragionare e continueremo i nostri giochi interattivi con il salar, questa volta creando effetti fotografici di prospettiva, resi possibili dalla limpidezza dell’aria e dall’assenza di elementi di riferimento tutt’attorno. Dopo un pici nic nel mezzo del salar, ritorneremo a Uyuni, passando per Colchani, un bruttino ed anonimo paesello, famoso per essere popolato da estrattori o raccoglitori di sale. Arrivo a Uyuni nel tardo pomeriggio e trasferimento alla stazione del bus per il ritorno a La Paz (servizio Semi Cama o Cama, in base a disponibilità al momento – partenza alle 19:00 circa - 10 ore di viaggio).

L’eventuale volo Uyuni-La Paz, comporta un supplemento di 140 Euro ed una notte ad Uyuni (50 Euro a testa – Hotel de Sal)

6° giorno – La Paz - Puno

LA PAZ - PUNO

Arrivo a La Paz al mattino presto e trasferimento in mezzo privato alla frontiera con il Perú. Dopo le formalità doganali e migratorie, proseguirete in mezzo privato fino a Puno. Notte con colazione.

SERVIZI INCLUSI

Trasporti

  • Mezzo privato Puno-Desaguadero-Puno
  • Mezzo privato Desaguadero-La Paz-Desaguadero
  • Trasferimenti da e per stazione dei bus: Uyuni (2), La Paz (2)
  • Trasporto 4X4 nel tour al Salar e Lagune (Bolivia)
  • Pullman di linea La Paz-Uyuni-La Paz

Pacchetti/Tour

  • Tour 3gg/2nn al Salar de Uyuni e Lagune, in servizio privato

Pernottamenti – 6 notti come da dettaglio

  • Huayllajara: 1 notte con colazione in hospedaje basico con servizi comuni
  • Puerto Chuvica: 1 notte con colazione in hospedaje basico con servizi privati
  • Pullman di linea: 2 notti
  • La Paz: 1 notte con colazione in hotel/hospedaje
  • Puno: 1 notte con colazione in hotel/hospedaje

 

Pasti

  • Tutte le colazioni
  • Bolivia: 3 pranzi e 2 cene nel tour al Salar & Lagune

SERVIZI NON INCLUSI

o          Mance e spese personali

o          Bolivia: Entrate a Incahuasi, Riserva Fauna Andina (in totale circa 180 Pesos Bolivianos o 26 USD)

o          Tutto quello non incluso nella voce “servizi inclusi”

o          Pranzi e cene salvo quelli specificati

o          Entrata e guida a Tiahuanaco

NOTE

  • La notte del 3° giorno (Huayllajara) sarà in un alloggio rurale basico con servizi comuni.
  • La notte del 4° giorno (Puerto Chuvica) sarà in un alloggio rurale con stanza privata e servizi privati.