TAILOR MADE TOUR OPERATOR & D.M.C.
Perù Responsabile - Home
Memorizza dati
E-mail:
Chiudi
  • Piccola Guida Responsabile
    L'Amazzonia...e la bio diversità
    Gli Anfibi stanno scomparendo in tutto il mondo L’Amazzonia peruviana è uno degli hotspot di biodiversità più importanti al Mondo, sia per le foreste nebbiose d’altitudine sia per la lussureggiante foresta tropicale in pianura....
  • Piccola Guida Responsabile
    MACHU PICCHU...Il Santuario Inca
    Uno dei maggiori misteri dell'America Precolombiana...e dell'archeologia Mondiale. Uno scrigno di cultura e di storia annidato sulla cima della Cordillera Peruviana
  • Piccola Guida Responsabile
    La Cordillera, e la Laguna Paron
    Dopo 4 ore di Cammino, nella zona di Caraz, compare una pietra turchese sulla quale si rispecchia il trionfo e l'orgoglio del Perù: uno degli scorci di bellezza più abbagliante della Cordillera Blanca...
  • Piccola Guida Responsabile...
    L'Amazzonia...e la bio diversità
    Nell'Amazzonia Peruviana vive il Pitone Verde, di colore prevalentemente rosso o giallo da piccolo, si trasforma in un intenso verde o azzurro da adulto ...cambia di colori brillanti durante la sua vita...è come la Selva....
  • Piccola Guida Responsabile
    Il Lago Titicaca, e l'Isla SUASI
    ...sul lago Titicaca, a 3.810 mt sul livello del Mare, una roccia indifferente al tempo ospita una delle prime esperienze di Turismo Comunitario sostenibile d'America...e non è il solo esempio, quello di Suasi....il Perù ne è pieno.....
  • Piccola Guida Responsabile
    La Cordillera...e le sue lagune
    La regione di Ancash offre gli scorci forse più spettacolari del Perù. Fra questi la Quebrada de Llanganuco, all'interno del Parco Nazionale Huascaran, ospita le Lagune Oconcocha e Chinancocha , che nascono dallo scioglimento dei ghiacciai Huascaran Huandoy, Pisco e Chopicalqui Yanapaccha.
  • Piccola Guida Responsabile
    El Rio Amazonas...
  • Piccola Guida Responsabile
    Un racconto lungo 10 anni...
    "...Con questo spirito abbiamo deciso di pubblicare il nostro contributo per il vostro viaggio, e cioè con lo spirito di rendervi partecipi delle emozioni che il Perù ha saputo trasmetterci...sperando di invogliarvi a viaggiare nel paese piú bello del mondo!..."
  • Piccola Guida Responsabile
    Il corridoio Puno Cusco
    "...Non è facile descrivere la sensazione di pulizia e limpidezza che si prova nel guardare in faccia le nuvole! L’aria è dura e gelida, il sole è vicino e ed accende i colori. L’erba è un verde tappeto volante, e il blu del cielo assomiglia a quello delle immersioni in mare aperto..."
  • Piccola Guida Responsabile
    Il Rio delle Amazzoni
    La differenza, di questo nuovo e diverso Perù, la si sente subito addosso non solo per il caldo, per il sole e l’aria morbida che si muove lenta sulla pelle…la differenza vera passa attraverso gli occhi della gente, belli, fissi e grandi che guardano ovunque e te, con dentro l’ospitalità del popolo Amazzonico..."
  • Piccola Guida Responsabile
    Lares Trekking
    "…stavamo già cedendo al richiamo di un singolare morfeo andino quando siamo stati raggiunti, e drammaticamente svegliati, da 4/5 fra bambini e bambine che hanno cominciato improvvisamente, ed in maniera assolutamente disinvolta e gioiosa, a scherzare con tutti noi..."
  • Piccola Guida Responsabile
    Il Colca Canyon
    " ...i paesaggi sono impressionanti: ci sono decine di migliaia di terrazze che scendono e salgono dalla montagna per oltre 70 Km, le loro forme sono ricavate dalla curve naturali del terreno ed il loro colore è una mescolanza di tutte le tonalità di verde che si possono immaginare..."
  • Piccola Guida Responsabile
    Il trekking degli Incas
  • Piccola Guida Responsabile
    Le spiagge di Mancora
    "...A Mancora, la natura si impossessa del tuo tempo, delle tue giornate e dei tuoi ritmi biologici già dal primo giorno in cui arrivi. L'unica nota stonata, alla quale fai fatica ad abituarti è l'incessante rumore del mare che accarezza la sabbia ed i suoi scogli, anche di notte, e non ti lascia dormire..."
  • Piccola Guida Responsabile
    "...il Surf sulle dune dorate di Huacachina è' divertente ma un po’ pericoloso, qualcuno ci ha lasciato le penne e poi, alla fine, ti ritrovi la sabbia nei posti più impensati, dove non sapevi neanche di avere spazi da riempire..:"
  • Piccola Guida Responsabile
    Il volo dei condores
    "...Il mirador della Cruz del Condor è a davvero a strapiombo sul canyon e se vuoi, ma sarebbe meglio dire “se ce la fai”, puoi stare seduto sul bordo roccioso con le gambe a penzoloni con 1.500 mt di aria sotto i pedi mentre cerchi di scattare foto ai benedetti condores...."
''Viaggiare non significa solamente uscire dai propri confini, ma entrare con rispetto in quelli altrui''
 
Piccola GUIDA RESPONSABILE
 
  GUIDA RESPONSABILE
4° Giorno - ICA - NAZCA
4° Giorno - ICA - NAZCA

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Per fare domande sui contenuti della "piccola guida responsabile" o per parlare con i soci della nostra organizzazione lascia il tuo messaggio sul nostro forum

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Volo sulle linee !??! e partenza per AREQUIPA “La Ciudad Blanca”…


Altitudine: 10 mt slm
Percorrenza: 140 KM di strada asfaltata - due ore e mezzo con i mezzi pubblici


Nazca è una delle destinazioni più frequentate dai turisti, ma, a mio modesto, anzi modestissimo, umile e umiliato parere (non è vero che è un parere modesto…io penso proprio che per come sono gestite sarebbe una buona cosa non portarci i turisti), al di la dell'interesse archeologico ed antropologico assolutamente indiscutibile, sono un po’ da criticare (Ok, sto mentendo, non è che sono un po’ da criticare, bisognerebbe proprio cancellarle con la gomma, una grande, morbida e vittoriosa gomma di quelle verdi con la striscia bianca in mezzo, quella delle elementari, ve le ricordate? quelle che servivano per cancellare le penne Replay). Anche quest’anno le linee mi hanno deluso. Lo so, mi sembra quasi di aver detto una bestemmia ma questa è la mia idea, che ci devo fare! Non mi va di fare l’ipocrita e dire che sono belle, non lo sono. Anzi, per come vengono gestite a mio parere sono uno dei più grandi bluff del Perù. I servizi turistici che vengono offerti in loco non sono all'altezza dei prezzi praticati e la cosa che più mi fa imbestialire è che a nessuno gliene frega niente, perché tanto “tutti ci vengono comunque”, e poi, pagare fino a 60 usd per un volo di 30 minuti dopo che si è mangiato e dormito a poco più di 4/5 dollari è quasi un trauma!!! Insomma, è uno di quei posti dove il business del turismo mostra il suo peggior aspetto. La solfa è quella del “o questo o niente, tanto ci sono migliaia di persone dopo di te che sono disposte ad essere turlupinate…”.

 
Comunque, se volete farvi fregare pure voi, è consigliabile arrivare in mattinata, per poter volare prima dell’ora di pranzo quando si alza vento e non si può più e, quindi, si partirà da ICA molto presto, non più tardi delle 8.00. Si viaggia per quasi due ore in mezzo ad un deserto meraviglioso dove si cominciano a vedere le prime “montagnette”. Si può viaggiare con dei piccoli minibus da 15/20 posti, scomodi ma divertenti, e soprattutto molto economici. Io ho pagato per l'intero tragitto di oltre 100 KM 3 euro (quest’anno ho dormito, invece, tanto guidava Leo, che è bravo… sempre il nostro bellissimo pullmino verde). Si arriva a NAZCA e si cerca subito un volo. Si vola, si fanno delle orrende foto, visto che da un po’ di tempo a questa parte il ministero dell'archeologia o roba simile ha impedito agli aerei di passare troppo bassi per non emanare vibrazioni sui geoglifici. Risultato, le linee si vedono piccole piccole e male, e poi si atterra ringraziando iddio di essere riusciti (chi ce l’ha fatta…ma non c’è mai un volo in cui tutti ce la fanno) a non aver vomitato. Per cercare di far vedere tutti i piloti fanno manovre assurde come se si trattasse della battaglia di Pearl Arbour, solo che al posto degli Zero Giapponesi qui si devono schivare gli altri aeroplanetti carichi di altri poveri pseudoturisti che si aggrappano ai finestrini ed alla vana speranza di non rigettare tutto il Lomo Saltado, che hanno mangiato la sera prima, sulla testa del tipo che hanno davanti.

E’ divertente fermarsi sulla pista a vedere i volti ed ad ascoltare i commenti dei sopravvissuti: si impara come si dice “grazie a Dio” in quasi tutte le lingue del mondo!!!

L’escursione ai laboratori delle mine de oro – l’Artigiano “Tobi”…il Mago della ceramica
Sempre a Nazca, interessantissima è invece la visita ai laboratori dei minatori di oro, dove si possono vedere all'opera dei veri cercatori d'oro che estraggono il metallo prezioso dalle rocce scavate a molti di metri di altitudine e che poi, sempre loro, poverini, si sono portati sulle spalle fino a Nazca. E' veramente bello, e poi i laboratori si visitano quasi da soli e senza turisti; si fa una offerta per la visita e si possono acquistare dei piccoli oggetti di artigianato fatti con le pietre del luogo che costano veramente poco. Poi ci si sposta subito da un altro artigiano del posto che si chiama “Tobi”, un nomignolo, e da suo fratello Pepe. Questi due simpatici personaggi realizzano delle riproduzioni di ceramiche Nazca stupefacenti. Lui è simpaticissimo, sembra Sancho Panza, quello di Zorro. Se volete, Sancho Panza fa all’impronta uno spettacolino pseudo artigianale, mostrandovi tutto il procedimento di manifattura e sfoderando le ciotole con i colori naturali necessari per pitturare i vasetti ricavati dalle rocce del deserto. Meraviglioso!!! davvero…magari adesso Tobi è più uno showman piuttosto che un artigiano, ma il risultato della visita è davvero gradevole!!! Pensate che io ho visto come fanno a fissare i colori dei vasi: lo fanno con il grasso della pelle della faccia.
 
Davvero, non vi sto prendendo in giro….sentite che schifo: prima lo pitturano (il vaso), poi con una pietra arrotondata si strofinano la guancia immediatamente sotto la narice, o nel punto in cui la narice incontra la guancia, per trasferire il grasso (madonna che schifo) dalla pelle sulla pietra e, poi, con la pietra ingrassata lucidano il vaso che, in effetti, diventa brillante!!! Anche qui si lascia una offerta e poi si possono acquistare degli oggettini, basta non pensare di avere fra le mani il grasso del naso ciccione di Sancho Panza. La oficina di Tobi si trova in Pasaje torrico n° 240. C'è anche da visitare anche il cimitero di Chauchilla, il cimitero delle mummie nella zona circostante Nazca. Il sito è molto interessante e vi si possono osservare uomini e donne nella loro posizione originale di sepoltura, ovvero rannicchiate in posizione fetale (che i molti sbagliano nella definizione e chiamano fecale! hi hi!). Queste tre escursioni in più aggiungono mediamente circa 10 usd al costo del volo.

Si può scegliere di pernottare a Nazca, cosa che io non consiglio, oppure aspettare che arrivino le dieci e mezza di sera in uno dei graziosi locali sulla piazza centrale dove si può bere un Pisco sour fantastico ed ascoltare dei gruppetti locali che suonano la musica andina e, alla fine, belli storditi, si può partire con il bus Ormeno delle 23.00 per arrivare, alle otto di mattina, ad AREQUIPA, la “Ciudad Blanca”, sicuramente una delle più belle e vere città del Perù. Anche se molto stancante io, ai viaggiatori budget, consiglio questa soluzione, cioè viaggiare di notte, per vari motivi. Innanzitutto perchè si risparmia un giorno viaggiando al modico prezzo di 6 massimo 9 euro, e poi perchè dopo aver speso quasi 70/75 dollari nella giornata precedente, risparmiare altri 10 o 20 dollari di albergo non è male! Ovviamente, poi, ma io ve lo dico così per dire, se venite con me, oltre a riposarvi di più, si può fare tutto il tragitto fra Nazca ed Arequipa (circa 10 ore di passione) sempre col nostro bellissimo pullmino che è sempre verde, sempre speranza, fermarsi a fare le foto all’oceano, fare gli spruzzi, passeggiare su spiagge lunghe quasi 100.000 km, poi ci si potrebbe fermare a Yauca a mangiare almeno 100 olive a testa, a Palpa a prendere gli aranci più dolci che io abbia mai mangiato, poi potreste scattare delle foto meravigliose tanto sono belli i paesaggi in cui nessun mezzo pubblico vi farebbe fermare, poi potremmo vedere Puerto Inka e i suoi pescatori e infine, prima di andare a dormire a Camanà, all’Hotel Turistas carino, pulito e comodo, potremmo andare a mangiare pesce a scatafascio al Rinconcito Trujllano (Jr. Pizarro 304)…… ma a voi sicuramente tutto questo non interessa! siete donne e uomini duri, voi, e preferite di gran lunga dormire di notte sull’autobus, morire di freddo, vomitare pure gli occhi e arrivare ad Arequipa in stato semicomatoso, affamati, puzzolenti e pure brutti. Quindi….potete anche non venire con me!
 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Per fare domande sui contenuti della "piccola guida responsabile" o per parlare con i soci della nostra organizzazione lascia il tuo messaggio sul nostro forum

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

4° Giorno - ICA - NAZCA - Foto 1
4° Giorno - ICA - NAZCA - Foto 2
4° Giorno - ICA - NAZCA - Foto 3
4° Giorno - ICA - NAZCA - Foto 4
4° Giorno - ICA - NAZCA - Foto 5