top of page
Blog Moleskine

Da Lima, in Peru, il via per la Dakar 2013

Forse non tutti sanno che il Peru è stato scelto per ospitare l'edizione 2013 della "Dakar", la prestigiosissima corsa per mezzi off road divenuta famosa come Parigi-Dakar poichè sin dal suo primo anno, la gara sisvolgeva su un percorse che, dalla capitale del Senegal, si snodava poi fra le dune dei deserti di Senegal, Mauritania e Marocco, per giungere poi all'ombra della Tour Eiffel.

Macchina off road impegnata in un tratto di Dakar nel desrto di

Per i noti motivi di sicurezza, la Parigi Dakar, oggi, è divenuta solo DAKAR, e può essere svolta anche in altre regioni del mondo!

Grazie a questa nuova coraggiosa scelta dell'organizzazione la Dakar ha trasolcato, già dalal sua 30ma edizione, in Sudamerica!


Quest'anno, quindi, la carovana della 35a edizione della Dakar si trasferirà, per il quinto anno consecutivo, su suolo sudamericano con partenza da Lima, capitale del Perù!


Questo evento mediatico globale consentirà al Perù di mostrarsi agli oltre un miliardo e mezzo di telespettatori di 190 Paesi che dal 5 al 20 gennaio,seguiranno i concorrenti concorrenti gareggiare tra Lima e Santiago in Cile, con un solo giorno di riposo previsto a San Miguel de Tucuman in Argentina.


il ministro Silva ha osservato che

l’affetto con cui i peruviani hanno accolto i partecipanti al Rally Dakar 2012 mostra il carattere cordiale e generoso di questo popolo che si è rivelato all’altezza dell’evento e ottimo padrone di casa, presentando la ricchezza geografica, culturale e umana del proprio Paese”.

Inoltre, dato non meno importante, il Rally Dakar 2012 ha generato per il Perù un impatto economico (diretto e indiretto) per oltre US $ 520 milioni.


Le attività economiche favorite da questa occasione sono state le strutture ricettive, che hanno registrato in media un tasso di occupazione superiore all’80% nelle località toccate dalla corsa e addirittura del 100% nelle città di Nazca e Pisco. Lo stesso ministro José Luis Silva Martinot ha infine affermato che “queste percentuali saranno sicuramente superiori il prossimo anno, considerando Lima come punto di partenza del Rally Dakar 2013, perché oltre alla campagna di promozione turistica che verrà fatta si dovranno considerare almeno 15 giorni di preparazione prima dell’inizio effettivo della competizione”.

Il deserto sarà il protagonista fin dai primi giorni del rally, per la prima volta nella sua storia. Nell’ultima edizione della Dakar, i piloti hanno conosciuto il lato peruviano del deserto, restando colpiti, prima dell’arrivo a Lima, dal suo splendore ma anche dalle caratteristiche uniche del tracciato.


Per la prossima edizione, come ha sottolineato il direttore generale del Rally Dakar 2013, Etienne Lavigne, la capitale peruviana ospiterà la partenza del rally con la promessa di organizzare una sfida eccezionale per quanti prenderanno parte alla competizione.


6 visualizzazioni0 commenti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page