top of page
Blog Moleskine

Lima, la Grande Capitale del Perù!

Aggiornamento: 30 nov 2022



Fu fondata il 18 di febbraio del 1535 da Francisco Pizarro con il nome di Città dei Re, durante i secoli XVI-XVIII fu la capitale del Vicereame del Perú che estese il suo dominio su tutta l’America Latina occidentale e meridionale. Il nome attuale deriva dal fiume che la attraversa, il Rimac, che in quechua significa “conversatore”. E’ una delle più grandi metropoli dell’ America Latina ed è il centro della vita politica, culturale ed economica della nazione. Il centro storico è un tipico esempio dell’architettura coloniale spagnola, che mostra le migliori espressioni nei dintorni della Plaza de Armas: la Cattedrale, il Palazzo di Governo (Casa di Francisco Pizarro) e numerose chiese e “casone” tra cui risalta l’edificio di Torre Tagle, sede della Cancelleria.

Conserva importanti Musei che riuniscono collezioni archeologiche uniche, come il “Museo Nazionale di Archeologia e Antropologia”, il “Museo Larco Herrera” e il “Museo dell’Oro”.

Ma Lima è anche una città moderna e attrattiva con quartieri finanziari e commerciali come San Isidro e Miraflores. Una menzione a parte merita Barranco centro della vita artistica e notturna della città. Non si può tralasciare di ricordare la tipica gastronomia “criolla limeña”, con i suoi deliziosi piatti a base di frutti di mare e pesce (incomparabile il “ceviche”)... Come già detto, Lima fu fondata nel 1535 e poco tempo dopo divenne la città più importante d’America. Oggi ha più di 8 milioni di abitanti e ospita immigrati da tutte le parti del mondo, cosa che la rende una città meticcia per eccellenza. Nel centro storico, dichiarato Patrimonio Culturale dell’Umanità dall’UNESCO, si possono osservare splendidi esempi di architettura coloniale come la Cattedrale, il Convento di Santo Domingo e il Convento di San Francisco, così come bei balconi in legno intagliato. Lima è inoltre una sorgente inestinguibile di cultura, esempio ne è l’esistenza di una gran quantità e varietà di musei come il Museo Nazionale di Archeologia, Antropologia e Storia e il Museo Archeologico Rafaél Larco Herrera che custodiscono tesori incaici e pre incaici di inestimabile valore. Racchiusi nel mezzo della città ci sono imponenti monumenti archeologici come la Huaca Huallamarca e la Huaca Pucllana; e fuori dalla città, di fronte al mare, si trova Pachacamac, il santuario preincaico più importante della costa, costruito nel III secolo d.C. Un’altra delle grandi attrazioni della città sono le spiagge, nelle quali si possono praticare sport acquatici, godere del sole o, semplicemente, osservare la bellezza dell’Oceano Pacifico. Durante questo percorso potrà degustare una delle migliori gastronomie del mondo. La città offre una vasta gamma di ristoranti e di locali accoglienti, dove si potranno degustare dei piatti deliziosi, risultato della fusione della cucina europea, africana e asiatica con quella andina. Attrazioni Turistiche Centro storico Il 18 gennaio del 1535, Francisco Pizarro fondò, nel luogo oggi occupato dalla Plaza Mayor, la capitale del Perù. Alle spalle si trova l’Alameda Chabuca Granda dove si possono degustare i tradizionali piatti creoli e assistere a differenti spettacoli. Con un importante esempio dell’architettura coloniale, il centro storico è conosciuto anche come “Damero di Pizarro”, per la distribuzione delle strade simile a una scacchiera. Nel 1991 la zona fu dicharata Patrimonio Storico dell’Umanità dall’UNESCO. Plaza Mayordi Lima Fu il centro dell’antica città coloniale. Lungo il suo perimetro si trovano la Cattedrale di Lima, il Palazzo di Governo e il Municipio Provinciale di Lima. Nella parte centrale da notare la fontana in bronzo che risale al XVII secolo. Cattedrale di Lima Plaza Mayor di Lima. Tel: (511) 427-9647. Visite: L-S 9:00-16:30. Occupa lo stesso luogo nel quale fu trovata la prima chiesa matrice di Lima. L’interno è austero, anche se custodisce vere e proprie gioie storiche, come il coro dell’artista Baltasar Noguera, diversi altari laterali e i resti di Francisco Pizarro. Inoltre, si può visitare il Museo d’Arte Religioso, che possiede un’importante collezione di tele, sculture, calici e pianete. Palazzo di Governo Plaza Mayor di Lima. Tel: (511) 311-3908. Visite: L-V 8:30-13:00/14:00 - 17:00. Fu la residenza di Francisco Pizarro (1535), il quale la costruì sul terreno che era stato occupato dal Taulichusco, il governatore della valle del Rímac. Da allora il luogo è il centro del potere politico del Perù. Negli anni Venti fu ricostruito in seguito a un incendio. Possiede numerosi patii e saloni dedicati a personaggi insigni della storia peruviana e decorati accuratamente da pezzi d’arte di notevole valore. Ogni giorno, alle 11.42, il Patio d’Onore è lo scenario del cambio della guardia da parte del glorioso Battaglione degli Ussari di Junín.

Chiesa e Convento di San Francisco

Jr. Ancash isolato 3. Tel: (511) 427-1381, annesso 111. Visite: L-D 9:30-17:30. Complesso archeologico del XVII secolo. Comprende la chiesa, il convento e la piazzetta. La facciata principale della chiesa fu scolpita in pietra ed è caratterizzata da colonne di tipo corinzio. Nella facciata si può apprezzare il cornicione con archi, nella quale si ammira l’Immacolata Concezione. La zona dei chiostri, decorati con maioliche, ospita il Museo d’Arte Vicereale. Si possono, inoltre, visitare le catacombe (gallerie sotterranee) che servirono da cimitero durante il periodo coloniale. Cimitero Generale Presbitero Matías Maestro Jr. Ancash s/n, isolati 16-20. Visite: L-V 8:00-18:00. Sono offerte visite guidate notturne tutti gli ultimi giovedì del mese (ad eccezione nel mese di dicembre). Tel: (511) 385-2084 / 385-2117 (annesso 233). Fu il primo cimitero della città di Lima. Inaugurato nel 1808 dal Viceré Abascal, l’autore del progetto fu il rinomato architetto spagnolo, il presbitero Matías Maestro. Possiede più di 766 mausolei di stile neoclassico, tra cui le statue e le sculture ispirate alle figure di santi e alle virtù teologiche. Parco dellaMuraglia Jr. Amazonas isolato 1 (all’altezza del primo isolato di Jr. Abancay). Visite: L-D 8:00-22:00. Entrata gratuita. Conserva un frammento restaurato dell’antica muraglia che circondava Lima e che fu costruita nel XVII secolo per proteggerla dagli attacchi dei pirati e dei nemici della corona spagnola. Nel posto si trova la statua equestre del fondatore della città, il conquistatore Francisco Pizarro, oltre al museo locale dove sono esposti pezzi archeologici rinvenuti nella zona. Chiesa e Convento de La Merced Jr. De la Unión Nº 621. Tel: (511) 427-8199. Visite: L-D 8:00 –12:00 / 16:00 - 20:00. Complesso architettonico coloniale del XVI secolo. La chiesa conserva la facciata in granito risalente all’anno 1687. Il tetto è finemente decorato da figure in gesso. All’interno da menzionare l’altar maggiore, di stile neoclassico, nel quale predomina l’immagine della Vergine de La Merced e una statua di San Michele Arcangelo. All’interno si trova anche la cappella di frate Pedro Urraca e la tosca croce di legno che, secondo le cronache, utilizzò per fuggire dal demonio. Casa Aliaga Jr. de la Unión Nº 224. Tel. (511) 427-7736. Visite: L-D 9:30-16:00. Essendo stata costruita in quincha (tipo di canna) e in mattoni crudi, sulle fondamenta dell’edificio preispanico, gli spazi dovettero adattarsi alla distribuzione irregolare su vari livelli. La facciata principale ha un balcone dell’epoca repubblicana. Da notare i patii, il primo rivestito in marmo italiano e del secolo XIX, e il secondo adornato da un’antica fontana di bronzo. La casa è stata proprietà della stessa famiglia fin dall’anno della sua costruzione (1535) fino ai nostri giorni. Attualmente è sede di diversi eventi culturali. Museo Archeologico Josefina Ramos de Cox dell’ Istituto Riva Agüero (Pontificia Universidad Católica del Perú) Jr. de La Unión Nº 554. Tel: (511) 427-4961/ 626-2000. Visite: M-S 10:00-19:30 e D 11:00-17:00. Pagina Web: www.pucp.edu.pe Raccoglie testimonianze archeologiche ed etno-storiche ritrovate negli scavi degli anni Sessanta, appartenenti ai periodi preinca, inca e ispano-andino, tra le quali risalta l’esemplare proveniente dalle Huacas di Maranga. Il museo si erge su una bella residenza coloniale conosciuta con il nome di casona O’Higgins ed è possibile conoscere testimonianze dei periodi vicereale e repubblicano. Museo dell’Inquisizione e del Congresso Jr. Junín Nº 548. Tel: (511) 311-7777 annesso 2910. Visite: L-D 09:00-17:00. Pagina Web: www.congreso.gob.pe Conserva numerosi oggetti e ambienti nei quali si tenevano i processi dell’inquisizione. Tra questi, la Sala delle Udienze, dove si riunivano i membri del Tribunale dell’Inquisizione. Degna di nota la “Porta del Segreto”, che conduceva all’ambiente privato dell’Inquisitore Massimo; la camera del Tormento; la zona delle carceri segrete con prigioni sotterranee e la biblioteca dell’Inquisizione. Biblioteca del Congreso Di fronte, sul terreno che anticamente era occupato dalla chiesa e dal monastero della Carità (XVI secolo), si trova il Palazzo del Congresso della Repubblica, edificio costruito in stile neoclassico tra il 1912 e il 1916. Chiesa di San Pedro Jr. Ucayali Nº 451. Tel: (511) 428-3017. Visite: L-D 9:30-11:45 / 17:00-18:00. Risale all’anno 1636. È l’unica chiesa a Lima con tre porte d’accesso, caratteristica esclusiva di una cattedrale. Da notare i suoi magnifici altari di stile churrigueresco,; inoltre, tutto lo spazio delle navate centrali è occupato da pitture e maioliche. Tra le opere d’arte si trovano le pitture delle scuole di Lima, Cusco e Quito, una serie di statue dorate di alcuni fondatori di ordini religiosi e la pittura che rappresenta la coronazione della Vergine, opera del pittore Bernardo Bitti. Palazzo di Torre Tagle Jr. Ucayali Nº 323. Tel: (511) 311-2400 / 311-2769. Visite: Previa coordinazione con il Ministero degli Esteri. Edificio a due piani la cui costruzione fu iniziata nel 1735 per ordine del Marchese di Torre Tagle, tesoriere dell’Armata Reale Spagnola. È considerato uno dei migliori esempi dell’architettura residenziale di Lima del XVIII secolo. Notabili sono i balconi di legno intagliati, l’oratorio di stile barocco adornato da specchi e pitture coloniali e la facciata, scrupolosamente scolpita in pietra. Oggi ospita il Ministero degli Affari Esteri. Museo della Banca Centrale di Riserva del Perù Jr.Ucayali Nº 271. Tel: (511) 613 2000 annessi 2655 e 2666 / 613-2773. Visite: L-V 10:00-16:30 e S-D 10:00-13:00. Pagina Web: http://museobcr.perucultural.org.pe Possiede tre principali aree tematiche di esposizione: archeologia, pittura peruviana contemporanea e arte popolare. Il museo ha la responsabilità del recente restauro del Tribunale Maggiore di Calcoli e del Museo Numismatico. Museo d’Arte e Tradizioni Popolari dell’Istituto Riva Agüero (Pontificia Universidad Católica del Perú) Jr. Camaná 459. Tel: (511) 427-7678/4279-275. Visite: L-S 10:00-19:00. Pagina Web: www.pucp.edu.pe Costituito nel 1979, ospita più di 5000 pezzi dell’arte popolare appartenenti a importanti collezioni donate o consegnate affinché siano custoditi, tra cui i pezzi rappresentativi della scuola di immagini sacre e dei tessuti. Chiesa e Convento di Santo Domingo Incrocio dei jiron Conde de Superunda e Camaná. Tel: (511) 427-6793. Visite: L-S 9:00-12:30 e 15:00-18:00; D e festivi 9:00-13:00. Chiesa a tre navate nella quale si evidenzia la cupola e un bel coro intagliato in cedro. I muri del convento sono adornati con maioliche di Siviglia e nella sala capitolare si apprezzano delle statue barocche. Nel 1551 venne fondata nel convento l’Universidad Nacional Mayor di San Marcos, prima università istituita in America dalla corona spagnola. Chiesa e Monastero di Santa Rosa di Lima Av. Tacna isolato 1, a quattro isolati dalla Plaza Mayor. Tel: (511) 425-1279. Visite L-D 9:00-13:00 e 15:00-18:00. Complesso architettonico composto dalla chiesa e dal santuario. Fu edificato tra il XVII e il XVIII secolo accanto alla casa nella quale nacque e visse Santa Rosa di Lima, patrona di Lima, d’America e delle Isole Filippine. Da notare l’eremo o oratorio costruito dalla stessa santa nel 1614, un campetto di alberi di limoni piantati da Santa Rosa e un pozzo profondo19 metri, nel quale, si narra, fece cadere la chiave della cintura che le cingeva la vita, in segno di penitenza. Chiesa delle Nazarenas Incrocio del Jr. Huancavelica e dell’ Av. Tacna. Tel: (511) 423-5718. Visite: L-D 7:00-12:00 e 16:00-20:30. Costruita nella seconda metà del XVIII secolo sugli antichi terreni del quartiere coloniale di Pachacamilla. La parte centrale dell’altare è formata da due pilastri toscani striati e dorati, che sostengono la facciata barocca. All’interno, a forma di urna, si trova l’immagine del Signore dei Miracoli, dipinta a olio su una rozza parete di mattoni crudi. Secondo la tradizione, nel XVII secolo l’immagine del Cristo fu dipinta da uno schiavo negro. Questo fu l’unico muro che resistè ai terremoti degli anni 1655, 1687 e 1746. Ogni mese di ottobre una processione moltitudinaria, con una riproduzione dell’immagine del Cristo Viola, così come lo si conosce, percorre le strade della città di Lima. Museo d’Arte di Lima Paseo Colón 125, Lima. Tel: (511) 423-4732 / 423-6332 / 423-5149. Visite: J-Mar 10:00-17:00. Pagina web: www.museodearte.org.pe È istallato nell’antico Palazzo dell’Esposizione (1869). Espone pezzi di ceramica, tessuti e oreficeria delle culture preispaniche. Allo stesso tempo possiede la collezione più importante delle pitture e delle opere d’arte del paese. Museo d’Arte Italiano Av. Paseo de la República 250. Tel: (511) 423-9932. Visite: L-V 10:00-17:00. Costruito dalla colonia italiana per celebrare il centenario dell’indipendenza del Perù e inaugurato nel 1924. La facciata, di stile rinascimentale italiano, è in marmo bianco levigato, e vi figurano gli scudi delle principali città italiane e due pannelli di mosaici con i personaggi illustri della loro storia. Espone, permanentemente, oggetti artistici italiani con elementi dell’architettura di Bramante, rilievi e dettagli decorativi ispirati a Donatello, Ghiberti, Michelangelo e Botticelli. Parco dell’Esposizione Incrocio de Av. 28 de Julio e Av.Garcilaso de la Vega. Tel: (511) 423-0133. Visite: L-D 9:00-20:00. Pagina web: www.emilima.com.pe Ospita monumenti risalenti alle celebrazioni del centenario dell’indipendenza, come il Padiglione Moresco, il Sismografo, la Fontana Cinese, il Giardino Botanico e il Giardino Giapponese. Ci sono, inoltre, delle aree per la ricreazione e le arti sceniche, come l’Isola delle Marionette, il Teatro Aperto e il Teatro La Capanna. Quartiere cinese Jr. Paruro, Barrios Altos. È uno dei più grandi dell’America del Sud. Passeggiare per le sue strade significa conoscere le abitudini e i prodotti di questa cultura millenaria e, soprattutto, gustare la sua cucina, che si può assaggiare nei numerosi ristoranti denominati “chifas”. Da notare, dal punto di vista architettonico, l’Arco Monumentale della strada Capón. Chiesa e Convento de los Descalzos Alameda de los Descalzos s/n. Tel: (511) 481-0441. Visite: Mar-D 10:00-18:00. Il convento venne fondato alla fine del XVI secolo. È caratterizzato da ambienti tranquilli e ampi, nei quali si conservano pitture di valore delle scuole di Lima, di Cusco e di Quito. Belvedere della collina San Cristóbal Al belvedere si accede dall’Alameda de los Descalzos. Visite al museo locale: L-D 9:00-15:00. Durante il periodo preispanico fu considerato un “apu” o montagna sacra che vigilava sugli antichi abitanti della valle del fiume Rímac. Nel 1536, una delle prime azioni del conquistatore Francisco Pizarro, fu quella di prendere possesso della collina, collocandoci una croce in cima. La prima domenica di maggio si realizza un pellegrinaggio fino alla cima. Da su, e con il cielo sereno, si può osservare tutta la città di Lima, ma anche le isole situate di fronte alla costa. Piazza di Tori di Acho Jirón Hualgayoc 332, Rímac. Museo Taurino. Tel: (511) 482-3360. Visite: L-S 10:00-18:00; previo appuntamento. Fu costruito nel 1760 su ordine del Viceré Amat y Juniet. Acho è considerata la piazza di tori più antica d’America e la terza del mondo. Fu completamente ristrutturata nel 1946, conservandone la forma odierna. All’interno si trova il Museo Taurino che conserva una collezione di reliquie come vestiti, cappe, spade, uncini, poster e quadri di famosi pittori. Ad ottobre Acho diventa lo scenario della Fiera Taurina del Signore dei Miracoli.

--------------------------------------------------------------------------------------------------

Informati sempre sugli usi e sui costumi della città e delle comunità che stai per visitare, per rispettarne le tradizioni e le credenze, ma anche per condividere al meglio con la popolazione gli avvenimenti più interessanti!

133 visualizzazioni0 commenti

Post correlati

Mostra tutti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page