TAILOR MADE TOUR OPERATOR & D.M.C.
Perù Responsabile - Home
Memorizza dati
E-mail:
Chiudi
  • Piccola Guida Responsabile
    L'Amazzonia...e la bio diversità
    Gli Anfibi stanno scomparendo in tutto il mondo L’Amazzonia peruviana è uno degli hotspot di biodiversità più importanti al Mondo, sia per le foreste nebbiose d’altitudine sia per la lussureggiante foresta tropicale in pianura....
  • Piccola Guida Responsabile
    MACHU PICCHU...Il Santuario Inca
    Uno dei maggiori misteri dell'America Precolombiana...e dell'archeologia Mondiale. Uno scrigno di cultura e di storia annidato sulla cima della Cordillera Peruviana
  • Piccola Guida Responsabile
    La Cordillera, e la Laguna Paron
    Dopo 4 ore di Cammino, nella zona di Caraz, compare una pietra turchese sulla quale si rispecchia il trionfo e l'orgoglio del Perù: uno degli scorci di bellezza più abbagliante della Cordillera Blanca...
  • Piccola Guida Responsabile...
    L'Amazzonia...e la bio diversità
    Nell'Amazzonia Peruviana vive il Pitone Verde, di colore prevalentemente rosso o giallo da piccolo, si trasforma in un intenso verde o azzurro da adulto ...cambia di colori brillanti durante la sua vita...è come la Selva....
  • Piccola Guida Responsabile
    Il Lago Titicaca, e l'Isla SUASI
    ...sul lago Titicaca, a 3.810 mt sul livello del Mare, una roccia indifferente al tempo ospita una delle prime esperienze di Turismo Comunitario sostenibile d'America...e non è il solo esempio, quello di Suasi....il Perù ne è pieno.....
  • Piccola Guida Responsabile
    La Cordillera...e le sue lagune
    La regione di Ancash offre gli scorci forse più spettacolari del Perù. Fra questi la Quebrada de Llanganuco, all'interno del Parco Nazionale Huascaran, ospita le Lagune Oconcocha e Chinancocha , che nascono dallo scioglimento dei ghiacciai Huascaran Huandoy, Pisco e Chopicalqui Yanapaccha.
  • Piccola Guida Responsabile
    El Rio Amazonas...
  • Piccola Guida Responsabile
    Un racconto lungo 10 anni...
    "...Con questo spirito abbiamo deciso di pubblicare il nostro contributo per il vostro viaggio, e cioè con lo spirito di rendervi partecipi delle emozioni che il Perù ha saputo trasmetterci...sperando di invogliarvi a viaggiare nel paese piú bello del mondo!..."
  • Piccola Guida Responsabile
    Il corridoio Puno Cusco
    "...Non è facile descrivere la sensazione di pulizia e limpidezza che si prova nel guardare in faccia le nuvole! L’aria è dura e gelida, il sole è vicino e ed accende i colori. L’erba è un verde tappeto volante, e il blu del cielo assomiglia a quello delle immersioni in mare aperto..."
  • Piccola Guida Responsabile
    Il Rio delle Amazzoni
    La differenza, di questo nuovo e diverso Perù, la si sente subito addosso non solo per il caldo, per il sole e l’aria morbida che si muove lenta sulla pelle…la differenza vera passa attraverso gli occhi della gente, belli, fissi e grandi che guardano ovunque e te, con dentro l’ospitalità del popolo Amazzonico..."
  • Piccola Guida Responsabile
    Lares Trekking
    "…stavamo già cedendo al richiamo di un singolare morfeo andino quando siamo stati raggiunti, e drammaticamente svegliati, da 4/5 fra bambini e bambine che hanno cominciato improvvisamente, ed in maniera assolutamente disinvolta e gioiosa, a scherzare con tutti noi..."
  • Piccola Guida Responsabile
    Il Colca Canyon
    " ...i paesaggi sono impressionanti: ci sono decine di migliaia di terrazze che scendono e salgono dalla montagna per oltre 70 Km, le loro forme sono ricavate dalla curve naturali del terreno ed il loro colore è una mescolanza di tutte le tonalità di verde che si possono immaginare..."
  • Piccola Guida Responsabile
    Il trekking degli Incas
  • Piccola Guida Responsabile
    Le spiagge di Mancora
    "...A Mancora, la natura si impossessa del tuo tempo, delle tue giornate e dei tuoi ritmi biologici già dal primo giorno in cui arrivi. L'unica nota stonata, alla quale fai fatica ad abituarti è l'incessante rumore del mare che accarezza la sabbia ed i suoi scogli, anche di notte, e non ti lascia dormire..."
  • Piccola Guida Responsabile
    "...il Surf sulle dune dorate di Huacachina è' divertente ma un po’ pericoloso, qualcuno ci ha lasciato le penne e poi, alla fine, ti ritrovi la sabbia nei posti più impensati, dove non sapevi neanche di avere spazi da riempire..:"
  • Piccola Guida Responsabile
    Il volo dei condores
    "...Il mirador della Cruz del Condor è a davvero a strapiombo sul canyon e se vuoi, ma sarebbe meglio dire “se ce la fai”, puoi stare seduto sul bordo roccioso con le gambe a penzoloni con 1.500 mt di aria sotto i pedi mentre cerchi di scattare foto ai benedetti condores...."
''Viaggiare non significa solamente uscire dai propri confini, ma entrare con rispetto in quelli altrui''
 
Piccola GUIDA RESPONSABILE
 
  GUIDA RESPONSABILE
6° Giorno - AREQUIPA - COPORAQUE - COLCA CANION
6° Giorno - AREQUIPA - COPORAQUE - COLCA CANION

 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Per fare domande sui contenuti della "piccola guida responsabile" o per parlare con i soci della nostra organizzazione lascia il tuo messaggio sul nostro forum

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Altitudine: dai 2.400 mt di Arequipa sino ai 5.000 mt del Passo più alto nella riserva de Aguada Blanca y Salinas

 


Percorrenza: circa 4/5 ore di trasferimento

Questa dovrebbe essere la giornata in cui si arriva al Colca. Ci si alza di buon ora (5,30) e si parte. Si attraversa la riserva naturale di Aguada Blanca y Salinas, dove si incontrano le Vigogne, gli Alpaca, i Lama, le Aquile (i primi tre sono camelidi delle Ande, le aquile invece sono aquile, quelle che volano!), tutti allo stato brado, e spesso si scende per fare delle foto bellissime. Se scendete, fate attenzione perché si deve rimanere sulla strada e non andare nei prati, cercando di avvicinarsi alle bestiole.

L’importante è che, se viaggiate così come ho fatto io, da soli intendo, senza agenzia e guida, dovete assicurarvi di avere tutti i permessi. Ad esempio, se avete un pullmino con autista, dovete accertarvi che questo sia autorizzato e che abbia il permesso del ministero dei trasporti con sopra il numero di targa della vettura, perché senno possono farvi storie. Quando sarete certi di essere nel giusto, non recedete di fronte a nulla…;tanto nella maggior parte dei casi vogliono solo rompere le balle!
Il viaggio fa spesso delle “vittime”, c'è gente che non riesce ad abituarsi alla rapida ascesa, si passa da 2.400 mt a 5.000 mt in un giorno e quindi comincia a svomitazzare a destra et a manca soprattutto perché non fa attenzione a mantenersi leggero la mattina a colazione, oppure si sdraia in preda ad attacchi di mal di testa tremendi. Una signora giapponese che stava con noi è stata due giorni con un giacchetto sulla faccia (meglio era pure brutta) ed un sacchetto nella mano per fare voi sapete cosa. Comunque sul pullman c'è l'ossigeno e si può respirarlo quanto e quando lo si vuole, tanto serve a poco, se ti becca il soroche te lo tieni per due giorni, puoi solo scendere di quota. Però l’ossigeno ti da delle belle botte! Si arriva dopo 5 ore di curve all'Hotel Mamayacchi, - eccetto una piccola pausa in barretto sulla strada al bivio del ''Chino'' dove si dovrebbe bere una botte di Mate de Coca, unico vero rimedio all'altura ed ai suoi inconvenienti.
 
Lo Chalet in cui si dorme è situato in un paesino che si chiama Coporaque, dove l'unica macchina che conoscono è il pulmann dell'agenzia che ogni giorno scarica qualcuno. Il paesino ha una bella chiesetta coloniale e qualche rovina che diventa interessante se si azzecca la guida giusta. Io, ogni anno che passa, lo preferisco sempre di più rispetto a Chivay dove oramai si trova un affollamento che deprime il fascino di questo Canon. Insomma, non è bello venire fino a quassù per incontrare il cielo e trovarsi invece circondati da orde di tedeschi, Inglesi e Francesi che girano con i pantaloncini corti e le maniche di lana alla tirolese, non credete?
 
A Coporaque, invece, non c’è quasi nulla di tutto questo, c’è solamente il Perù, quello vero! E' la prima occasione dove si cominciano a vedere personaggi autenticamente perùani, con il poncho rosso acceso, i sandali fatti di caucciù, la pelle bruciata dal sole ed un odore terrificante addosso! Coporaque si trova a 7 Km da Chivay, dove l'escursione della Agencia Jardin fa tappa per il pranzo del primo (prima di arrivare alla sistemazione al Mamayacchi) e secondo giorno. Si mangia bene con 3 dollari, ma, ovviamente, se venite con me si mangia meglio e si spende meno (tacchete! Beccati pure questa). Poi si arriva in hotel, ci si riposa un paio d'ore a suon di te di foglie di coca per assuefarsi all'altitudine e poi chi ce la fa va a fare una visita alle acque termali di Chivay. Trattasi di bagno di sera a 3.600 mt e all'aperto in vasche termali pulitissime e affollate da gente di tutto il mondo. Una esperienza interessante e dove si socializza… molto facilmente...sarà per il freddo fuori e per il caldo dentro...L'ingresso che non è compreso nell'escursione costa 2 usd (ce lo potevano pure includere, ma i peruani spesso si perdono in un bicchier d'acqua!). Il posto è carino, però quest’anno ho scoperto che c’è una vasca solamente per i locali e che a questi non è permesso mischiarsi con noi…………BUUUUUUUUUU ….i turisti…e che modi sono? Mi hanno fatto un pochino girare le balle…e allora mi sono cercato un'altra stazione termale…L’ho trovata al Colca Lodge, un albergo super raffinato modello baite sparse a mo’ di bungalow sulle rive del colca river. Sicuramente più radical chic delle caleras di di Chiyay, però almeno non ha l’ipocrisia di essere popolare e poi invece separa il popolo dai turisti…e che siamo marziani noi!
 
Oppure ci attaccano le malattie, loro…bho? Ste cose mi fanno incacchiare. Insomma, le terme del Colca Lodge sono davvero belle, sono formate da piccole vasche naturali delimitate da bordi che camminano, in un percorso ideale, al fianco del fiume. Sono circolari e ricavate dalla pietra del fiume e quando ti ci trovi dentro, il profilo dell’acqua calda si confonde con quello del fiume gelido, qualche metro più in la’…insomma, se ci arrivi quando c’è ancora un’oretta di sole allora passi davvero un bel pomeriggio…se ci arrivi troppo tardi, invece, non fai in tempo a godertelo, perché esci subito e te la fai sotto dal freddo. Rispetto alla caleras di Chivay si paga lo stesso prezzo ma è un pochino più difficile arrivarci. Si trova a qualche Km da Coporaque, allontanadosi dal paese verso la valle. Si ritorna in albergo con la pressione sotto le scarpe e si fa un’ottima cena, anch'essa non inclusa nel prezzo, e che si aggira sui 4/5 dollari, nella quale si può mangiare un filetto di alpaca con le pesche veramente eccezionale. La serata si trascorre nella lobby dove si beve Pisco di fronte al camino e si parla tutti in lingue diversissime, italiano, spagnolo, tedesco, francese. I clienti, generalmente, sono quasi tutti di una sola escursione e quindi si socializza molto in fretta e ci si diverte molto. Fuori fa molto freddo e quindi si rimane tutti ''in casa''. Si va a letto presto – in reception ti danno la borsa dell'acqua calda per andare a dormire, che goduria!!!
 
 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Per fare domande sui contenuti della "piccola guida responsabile" o per parlare con i soci della nostra organizzazione lascia il tuo messaggio sul nostro forum

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------m

 
6° Giorno -  AREQUIPA - COPORAQUE - COLCA CANION - Foto 1
6° Giorno -  AREQUIPA - COPORAQUE - COLCA CANION - Foto 2
6° Giorno -  AREQUIPA - COPORAQUE - COLCA CANION - Foto 3
6° Giorno -  AREQUIPA - COPORAQUE - COLCA CANION - Foto 4
6° Giorno -  AREQUIPA - COPORAQUE - COLCA CANION - Foto 5